Archive for the ‘sem’ Tag

Tenersi lontani dall’Infinity Space

In questi giorni di lavoro intenso ho dovuto mio malgrado trascurare il blog ma ho continuato a documentarmi intensamente: purtroppo infatti, in epoca di penalizzazioni facili, nessun SEO che si rispetti può permettersi di non restare al passo con le 1001 novità partorite da Google.

Una delle notizie più interessanti delle ultime settimane riguarda l’introduzione nel Google Webmaster Tools di un nuovo tipo di notifca, relativo alla presenza eccessiva di link inutili in una pagina WEB.

Per link inutili intendiamo link a pagine dall’url sempre diverso che portano a contenuti scarsi o sempre uguali, in questi casi lo spider si trova in una situazione di “super-lavoro” senza che a questo corrisponda l’effettiva raccolta di contenuti.

Questa eventualità, apparentemente poco comune, può verificarsi più spesso di quanto si possa pensare: ad esempio quando un calendario online presenta il classico link “mese successivo”.

In questi casi la “difesa” più comunque da parte dello spider è quella di ignorare gran parte del sito, scansionandolo con minore frequenza e scendendo meno in profondità.

Personalmente evito questi problemi effettuando il classico “navigation shaping” attraverso l’uso di nofollow o di javascript per questo tipo di link, ma di sicuro il fatto che questo problema ora venga segnalato da Google stesso è un grosso favore a SEO e Webmaster (esperti e meno esperti).

Per una descrizione più accurata del problema e delle sue implicazioni invito a leggere questi due articoli

http://googlewebmastercentral.blogspot.com/2008/08/to-infinity-and-beyond-no.html

http://www.google.com/support/webmasters/bin/answer.py?answer=76401

Google imita Yahoo Search Assist?

Non proprio, anzi semmai è il contrario, ma andiamo con ordine:

  • poco fa, mentre stavo effettuando una ricerca su Google.com in English, mi sono accorto che magicamente nella textbox comparivano suggerimenti sulle possibili ricerche.
  • Yahoo ha implementato più di un anno fa una funzionalità simile nella propria interfaccia standard per la ricerca, si chiama Yahoo Search Assist
  • Yahoo Search Assist in realtà era molto simile al già noto Google Suggest , progetto sperimentale in Google Labs.
  • Da ieri Google Suggest ha terminato la “gavetta” ed è diventato funzionalità standard (per ora solo di Google.com in English) e il cerchio si chiude :)

Nessuna rivoluzione, non trovo questa funzionalità particolarmente utile, ma sembra che abbia lo scopo primario di evitare errori di battitura, limitare le request inutili ai server Google e rendere l’esperienza di ricerca più fluida e rapida.

Insomma se Yahoo e Google hanno dedicato del tempo a questa cosa, una qualche utilità ci sarà…cosa ne pensate?

[EDIT]

Aggiornamento: ho trovato conferma della novità su SE Round Table

Google Suggest Becomes Search Default

AdSense: ciao ciao referrals

Google ha annunciato ai publisher AdSense che a partire dalla fine di agosto eliminerà il programma referral: niente più annunci che pagano a conversione quindi.

La naturale conseguenza di un flop? Si sa che il traffico di content non vale quanto quello di search. Forse che a causa di scarsi risultati gli inserzionisti si sono dati alla macchia e quindi il servizio non aveva più motivo di esistere?

In realtà sembra che l’arcano si sveli con l’acquisizione, nel marzo scorso, di Performics da parte di big G: la società, a sua volta acquistata da DoubleClick tempo addietro, si occupa di affiliate marketing, e pare che a Mountain View vogliano sfruttarne l’infrastruttura per attecchire (e attaccare) anche in questo mercato.

La prova? Questa pagina, in cui è possibile iscriversi al Google Affiliate Network. E qui un’intervista al nuovo Group Product Manager.

Seconda Google Live Webmaster Chat, resoconto (2/2)

Rieccoci con la seconda parte del resoconto sull’appuntamento che ha visto Google a confronto con addetti ai lavori e appassionati: la Google Live Webmaster Chat.

Altre domande e risposte tradotte per voi: :)

D: Google fa differenza tra ricerche in caratteri minuscoli e ricerche con le maiuscole al posto giusto?
R: Potremmo farlo se riteniamo che sia rilevante nel termine di ricerca.

D: Se ci sono keyword sotto forma di commenti nel codice, Google lo etichetterà come spam?
R: Il codice commentato è ignorato dai robot, quindi non serve a nulla.

D: […] Gestisco un sito multinazionale che supporta 12 lingue. Stiamo implementando il geotargeting di modo che gli utenti vengano redirezionati verso la lingua appropriata sulla base del loro Paese. […]
R: Ti consiglierei di non redirigere gli utenti sulla base della loro posizione. Potrebbe essere una cattiva user experience. E’ meglio permettere a un utente di scegliere la propria versiona sulla base delle proprie ricerche.

D: GoogleBot preferisce nomi di file e directory lunghi o corti?
R: Google non ha preferenze, ma solitamente i nomi brevi sono preferiti dagli utenti per questioni di usabilità.

D: Dopo che un sito che era stato hackerato al fine di mostrare del codice “furbo” viene ripulito, basta inviare una “reconsideration request” attraverso i webmaster tools?
R: Corretto.

D: Cosa succede se un url è in inglese metre il contenuto della pagina è in spagnolo, su dominio .com.mx? Sarebbe meglio usare lo spagnolo nel percorso?
R: E’ sempre meglio mantenere gli url in modo che gli utenti sappiano di cosa tratta la pagina.

D: Esiste un generatore di sitemap in xml raccomandato da Google? O è meglio costruirla a mano?
R: Abbiamo un generatore di sitemap in python se ti è familiare l’esecuzione da riga di comando. In alternativa, poi trovare altre opzioni qui.

D: Qualcosa sulla forza di DMOZ?
R: Se riesci ad ottenere un link su DMOZ è sempre utile, ma non c’è nessuna “spinta DMOZ” speciale o qualcosa di simile.

Questo un sunto di quello che si è detto. Come ho scritto nel precedente post, trovate i contenuti completi della chat (in inglese) su SeoRoundTable.

Inutile ribadire che spesso le risposte di Google sono state elusive, altre volte allusive: mi riferisco alla costruzone di pagine orientate agli utenti, più che ai motori. Google spinge perché si lavori così, proprio perché anche lui sta andando in quella direzione.

Ci vediamo là :)